Massimiliano Montulli | Perché non ci sono le ricevute di lettura in GMail?
21835
post-template-default,single,single-post,postid-21835,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Perché non ci sono le ricevute di lettura in GMail?

Perché non ci sono le ricevute di lettura in GMail?

L’opzione è attualmente disponibile solo per alcuni account, ma Google le ritiene inaffidabili e, pertanto, inutili.

Le conferme di lettura sono richieste per lo più a livello professionale ed è per questo che al momento sono disponibili solo per gli account dei clienti Google Apps for Work, Education e Government.

In questo articolo del Centro assistenza entriamo in maggiori dettagli, comunque tenete conto di una cosa importante: di solito chi apre un messaggio lo legge subito ma, ovviamente, non è detto che sia sempre così: alzi la mano chi non ha mai dato una scorsa veloce a un’email, solo per marcarla come non letta e tornarci sopra a distanza di qualche ora… o qualche giorno.

In pratica, le conferme di lettura per Google Apps for Work, Education e Government attestano se e quando il destinatario ha visto il messaggio.

Il nostro consiglio è di non fare affidamento completo sulle conferme di lettura per la certificazione del recapito della posta elettronica: a parte il fatto che, come detto prima, confermano la visualizzazione (e non necessariamente la lettura) del messaggio, non possono essere recapitate se il messaggio è stato inviato a una mailing list, oppure se viene aperto con un client POP, Google Apps Sync, oppure un client IMAP per cui l’amministratore non abbia configurato questa opzione.

FONTE: WIRED

Tags: