Massimiliano Montulli | Klink, il social network che remunera le visualizzazioni delle foto
22095
post-template-default,single,single-post,postid-22095,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Klink, il social network che remunera le visualizzazioni delle foto

Klink, il social network che remunera le visualizzazioni delle foto

Bellissima la visibilità, per carità. E gratificante anche quel like che non ci si aspettava. Ah, e anche i commenti di stima. Ma oltre alla gloria, qualche euro in più, male non farebbe. Klink, una nuova piattaforma di social networking dedicata alla fotografia, ha come obiettivo quello di remunerare i suoi utenti in base alle visualizzazioni ottenute.

Le visualizzazioni devono essere molte: ogni 1000 (uniche), arriveranno 2 dollari. Se poi si volesse comparire tra gli utenti in evidenza, si può fare un acquisto in-app di 99 centesimi (così i primi due dollari, facendo dell’economia domestica, diventano uno).

Come sottolinea The Newt Web, Klink (nome che evocherebbe il suono delle monete che cadono) non è originale nell’idea, quanto nella forma: non è l’unico servizio che offre una remunerazione per il successo dei contenuti, ma è il primo ad essere progettato prima di tutto come social network. E non si può dire che nel settore non abbia concorrenza. La sostenibilità si basa su banner e inserzioni, oltre che sugli acquisti in-app degli utenti.

L’app è disponibile per iOS e in versione beta per Android.

FONTE: WIRED

Tags:
,