Massimiliano Montulli | Intelligenza artificiale, Industria 4.0, data science e blockchain: ecco i temi social degli italiani
22339
post-template-default,single,single-post,postid-22339,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Intelligenza artificiale, Industria 4.0, data science e blockchain: ecco i temi social degli italiani

Intelligenza artificiale, data science, Industria 4.0 e blockchain: sono questi i temi dominanti tra i trend di discussione e condivisione sui social media da parte della community di innovatori italiani.

Al primo posto tra gli hashtag più ricorrenti si trova la new entry #ai seguita da #datascience e #iot. A seguire arrivano in ordine bigdata, blockchain, fintech, startup, cloud, cybersecurity. A individuare i macro temi tecnologici e di digital trasnformation che interessano sempre più l’Italia, anticipando i temi che domineranno quest’anno, è la ricerca “L’Italia dell’innovazione”, realizzata per il quarto anno consecutivo da Talent Garden, analizzando un milione e mezzo di tweet, condivisi da oltre 300mila utenti unici sugli e-magazine di riferimento per la comunità tech.

Sul tema dell’intelligenza artificiale emerge la consapevolezza del ruolo strategico di questa tecnologia nel definire vantaggi competitivi sul fronte business e nell’influenzare la vita quotidiana di tutti. Emerge inoltre la correlazione tra l’impatto ancora limitato dell’intelligenza artificiale sulle aziende e la difficoltà di reperire sul mercato le giuste risorse e competenze, lasciando intravedere per i prossimi anni grandi opportunità di lavoro per chi si presenterà con una formazione adeguata a sviluppare queste tecnologie.

Anche l’analisi quantitativa dei flussi legati al tema della data science sottolinea risvolti rilevanti delle figure professionali connesse a quest’ambito, enfatizzando ad esempio il data scientist come figura non più meramente tecnica, ma come vero artefice della “data driven economy” con un ruolo strategico nella risoluzione di problemi complessi e di individuazione di nuovi business.

Anche l’Internet of things vede prevalere la convinzione che la comunicazione tra prodotti e processi possa aprire grandi opportunità. Per quanto riguarda la blockchain, il tema, oggi strettamente legato alle criptovalute, definisce sempre più chiaramente il suo ruolo determinante per gli smart contract e per applicazioni diversificate in ambito finanziario, formativo, legale, energetico, di controllo della supply chain e della filiera produttiva.

 

Fonte: Il Sole 24 Ore