Massimiliano Montulli | Google, dopo Alphabet rivoluziona anche il logo
22062
post-template-default,single,single-post,postid-22062,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Google, dopo Alphabet rivoluziona anche il logo

Google, dopo Alphabet rivoluziona anche il logo

Google ha un nuovo logo. Dopo la svolta societaria di Alphabet annunciata a metà agosto, cambia anche il suo logo, a distanza di due anni dalla precedente evoluzione. Mantenendo i classici colori blu, rosso, giallo e verde non solo muta carattere ma rispecchia l’evoluzione dei servizi della società con un occhio ai dispositivi mobili. Il nuovo logo sarà visibile gradualmente dalle prossime ore e viene anche illustrato con un doodle.

“Pensiamo che la novità rifletta tutti i nostri servizi, dalla ricerca a Google Maps, passando per Gmail, Chrome e altri prodotti”, spiega la società in un post ufficiale e aggiunge: “Abbiamo preso il logo e il brand di Google – originariamente pensati per una pagina visualizzata da computer – e li abbiamo ripensati per un mondo sempre connesso attraverso un numero crescente di dispositivi e input diversi tra loro (vocale, digitazione e touch). Per esempio, nuovi elementi come un microfono colorato vi aiuteranno a capire come interagire con Google, che stiate parlando, digitando o toccando lo schermo”.

Google in 17 anni di vita ha avuto diversi loghi, la versione attuale risale a ottobre 2013. Per festeggiare ricorrenze o avvenimenti speciali Big G cambia il logo con uno attinente all’evento, a volte animato, chiamato doodle.

L’11 agosto scorso la società di Mountain View ha annunciato a sorpresa la nascita di Alphabet, la holding a cui faranno capo tutte le divisioni del gruppo, inclusa Google Inc che ne diventerà una controllata. La multinazionale separa di fatto l’attività di ricerca sul web, YouTube e le altre società internet dalle divisioni di ricerca e investimento.

FONTE: ANSA