Massimiliano Montulli | Finisce un’epoca, via la mela illuminata dal MacBook
21871
post-template-default,single,single-post,postid-21871,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Finisce un’epoca, via la mela illuminata dal MacBook

Finisce un’epoca, via la mela illuminata dal MacBook

Il nuovo MacBook da 12 pollici segna la fine di un’epoca, quella in cui nei film o nelle immagini di platee politiche trasmesse dai Tg si poteva riconoscere subito un portatile della Apple. La casa di Cupertino ha infatti rinunciato, nel suo nuovo gioiello, al logo della mela illuminata sul coperchio, sostituito da una mela in metallo con finitura a specchio. La mela luminosa era stata introdotta per la prima volta nel 1998 sui PowerBook G3.

All’epoca il logo era al contrario, guardava cioè il proprietario a schermo chiuso e risultava capovolto a computer aperto.

Presumibilmente la scelta è stata dettata da ragioni di spazio: il nuovo MacBook, presentato ieri sera durante il lancio dell’Apple Watch, ha uno spessore massimo di 13,1 millimetri ed è più sottile del 24% rispetto al MacBook Air da 11 pollici.

FONTE: ANSA.IT