Massimiliano Montulli | eCommerce: Italia in ritardo
21830
post-template-default,single,single-post,postid-21830,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

eCommerce: Italia in ritardo

eCommerce: Italia in ritardo

“In Italia siamo in ritardo sia per la percentuale di vendite online sia per le imprese che sono sul web”. A dirlo è Roberto Liscia, presidente Netcomm, diffondendo i dati del Consorzio secondo i quali “il fatturato delle vendite online italiane è di 14 miliardi di euro, siamo dietro alla Spagna dove si raggiungono i 17 miliardi”, ha aggiunto.

Secondo Liscia, le imprese italiane che vendono online sono solo il 4% del totale, la media europea è del 15%. I dati sono stati diffusi dal Consorzio del commercio elettronico Netcomm – che raggruppa le imprese del settore, in un incontro alla Camera dei deputati. “L’accesso alla banda larga è carente e la copertura finanziaria per gli investimenti ancora un interrogativo”, ha osservato Liscia.

Per Netcomm, la metà delle famiglie italiane ha un componente che acquista online. Il 93% di chi compra sul web dà un voto superiore al 7 all’esperienza d’acquisto. Inoltre, “negli ultimi tre anni i consumatori italiani online sono passati da 9 a 16 milioni”, ha concluso Roberto Liscia.

FONTE: ANSA.IT

Tags:
,