Massimiliano Montulli | eCommerce: Italia in ritardo
Dott. Massimiliano Montulli - Consulente per Siti Internet a Milano, Social Marketing, SEO, Project Management, Comunicazione e Formazione. Riceve su appuntamento a Milano.
montulli milano, montulli informatica, montulli cattolica, montulli, montulli.it, massimiliano montulli, siti internet milano, web design milano, social marketing, comunicazione, posizionamento motori di ricerca, creazione siti internet, milano, direct email marketing milano, dem, consulente informatico, lezioni private informatica milano, social media marketing milano, università cattolica del sacro cuore, community manager milano, unicatt, università cattolica milano, siti web martimoni milano, siti web avvocati milano, siti web milano, siti internet milano
21830
post-template-default,single,single-post,postid-21830,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive
 

eCommerce: Italia in ritardo

eCommerce: Italia in ritardo

“In Italia siamo in ritardo sia per la percentuale di vendite online sia per le imprese che sono sul web”. A dirlo è Roberto Liscia, presidente Netcomm, diffondendo i dati del Consorzio secondo i quali “il fatturato delle vendite online italiane è di 14 miliardi di euro, siamo dietro alla Spagna dove si raggiungono i 17 miliardi”, ha aggiunto.

Secondo Liscia, le imprese italiane che vendono online sono solo il 4% del totale, la media europea è del 15%. I dati sono stati diffusi dal Consorzio del commercio elettronico Netcomm – che raggruppa le imprese del settore, in un incontro alla Camera dei deputati. “L’accesso alla banda larga è carente e la copertura finanziaria per gli investimenti ancora un interrogativo”, ha osservato Liscia.

Per Netcomm, la metà delle famiglie italiane ha un componente che acquista online. Il 93% di chi compra sul web dà un voto superiore al 7 all’esperienza d’acquisto. Inoltre, “negli ultimi tre anni i consumatori italiani online sono passati da 9 a 16 milioni”, ha concluso Roberto Liscia.

FONTE: ANSA.IT

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.