Massimiliano Montulli | Crystal suggerisce come scrivere un’email in base al destinatario
21887
post-template-default,single,single-post,postid-21887,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Crystal suggerisce come scrivere un’email in base al destinatario

Crystal suggerisce come scrivere un’email in base al destinatario

Qualcuno crede di conoscervi molto bene: si chiama Crystal, ed è un app web-based che presenta se stessa come “il più grande passo in avanti per le mail dal controllo ortografico”.

Crystal, sia sito che estensione di Chrome, si muove così: prima di tutto consiglia un’iscrizione via LinkedIn, dopo di che, prendendo a destra e a manca dalle proprie attività sui social media, con un’occhiata anche a Google, l’app stila dei profili degli utenti (64 diversi).

Così sarà in grado di prevedere e di conseguenza consigliare, cosa bisogna fare quando si parla con l’utente profilato, cosa quando ci si lavora insieme, cosa quando gli si vuole scrivere, o chiamarlo.

Un bottone verde identificherà gli utenti che hanno Crystal, in modo da poter visualizzare i profili altrui. Un esempio di quello che compare “A Mark viene naturale… ‘lavorare in gruppo’, ‘perdere la cognizione del tempo mentre lavora‘”. Oppure: “Quando lavorate con Jane… ‘non siate arrabbiati se tarda qualche minuto‘”

Insomma, una specie di consigliere automatico che dovrebbe – in teoria – supplire anche buona parte della sensibilità personale di ognuno nell’incontrare altri individui. Il tutto atterra sul piano della praticità quando si vuole mandare una mail: sempre usando il tasto verde – che questa volta comparirà in GMail – il sistema suggerirà dei miglioramenti al testo in base alla personalità del destinatario.

Il servizio è gratuito per due settimane, alla fine delle quali resteranno disponibili le funzioni base, e si dovrà pagare per il Premium account.

FONTE: WIRED.IT

Tags:
,