Massimiliano Montulli | Amazon, il vestito si prova prima di pagare
22424
post-template-default,single,single-post,postid-22424,single-format-standard,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Amazon, il vestito si prova prima di pagare

Amazon prova a spingere le vendite nel settore dell’abbigliamento aprendo a tutti gli abbonati Prime, in Usa, il servizio “Wardrobe”. Lanciato in via sperimentale nell’estate scorsa, consente ai clienti di farsi spedire gratis a casa dai 3 agli 8 capi d’abbigliamento e accessori, decidendo nell’arco di una settimana quali tenere, e pagare, e quali rimandare indietro.

Sul sito americano di Amazon c’è una sezione chiamata “Prime Wardrobe” che include una selezione di capi di varie marche e fasce di prezzo. Lo shopping è possibile anche attraverso pagine che offrono suggerimenti in base allo stile o all’occasione. Le collezioni non sono solo per donna: sono presenti aree per uomo, ragazze, ragazzi e neonati.

Il servizio non ha costi aggiuntivi e i resi sono gratuiti, come avviene di norma anche facendo shopping su Amazon. La differenza è che non si pagano i vestiti in anticipo, ottenendo poi un rimborso in caso di reso, ma il pagamento avviene dopo aver misurato i capi, al pari dei negozi fisici.

 

FONTE: ANSA.IT